sabato 23 maggio 2015

Animali e natura

UN ARRIVO INASPETTATO
C:\Users\elziofava\Desktop\foto per sara\PicsArt_1430949102955.jpg

Una mattina mio papà continuava a tormentare me, mia mamma e mia sorella dicendo che, durante la notte, aveva sentito dei rumori provenire dalla terrazza della sua camera da letto.
Mentre tutti stavamo facendo colazione, lui tenacemente continuava a cercare la causa di quei rumori e finalmente, tutto orgoglioso e felice, entrò in cucina e dicendoci di fare piano ci invitò a seguirlo in terrazza.

All’improvviso io lanciai un urlo di gioia: una civetta era intrappolata fra una colonna e il muro. Il mio sogno di vederne una si era realizzato dopo tanto tempo, ed io ero felicissima!!!
Subito mio papà la tolse dalla sua “prigione” e il volatile, senza beccare né graffiare, si fece accarezzare.
Aveva due occhi gialli come due chicchi di mais, le piume soffici e marroni che la facevano sembrare di legno e un becco piccolo e del colore della sabbia; insomma, era FANTASTICA!
Certo me la sarei immaginata più grande, come quella di Harry Potter, ma comunque sono stata colpita da tanta bellezza.
Dopo aver scoperto che la piccola civetta paurosa stava bene e non aveva niente di rotto, l’abbiamo fatta volare via.
Non dimenticherò mai questa bellissima esperienza.


                                          SARA FAVARATO, classe 1° D



1 commento: