martedì 11 aprile 2017

Progetto educazione all' affettività

L’ IMPORTANZA DEL RISPETTO PER SE STESSI E PER GLI ALTRI

 Racconto ciò che ho imparato dall’incontro con la dott.ssa Lazzaro nell’ ambito del “Progetto educazione all’ affettività”
                                                                                                    
“Sabato 25 Febbraio 2017,alla scuola media di Maserà, è venuta una psicologa, la Dott.ssa Lazzaro che ci ha parlato del rispetto per se stessi e per gli altri e ci ha dato dei consigli su come vivere l’ adolescenza. 
Per iniziare si è  presentata e poi ha iniziato il suo discorso dicendo che ogni persona è unica, diversa da tutte le altre e che il rispetto aumenta la propria autostima. 
Io non ci avevo mai pensato, ma è proprio vero!       
In seguito ci ha detto anche che un’alimentazione corretta è importante e ci ha mostrato la piramide dell’alimentazione, ricordandoci che durante l’adolescenza è normale ingrassare un po’, ma che per questo non bisogna mettersi a dieta. Durante l’adolescenza si cambia, sia fisicamente che internamente, e si può diventare un po’ scontrosi; ti possono prendere in giro per i cambiamenti del corpo e hai molte emozioni in subbuglio,che si manifestano con cambiamenti d’umore improvvisi, timori, cotte per ragazzi, desideri,….
Poi ci ha parlato dei tatuaggi, ossia scelte molto importanti e permanenti,a cui bisogna pensare bene e che è meglio farseli da adulti, quando si è capito chi si vuole veramente essere. Anche i piercing sono un modo di esprimersi, però sono scelte delicate perché se sono fatti  male possono portare malattie.
Delle sostanze nocive, usate spesso dei ragazzi, sono invece le droghe : non dovrebbero proprio essere considerate una scelta, perché non bisognerebbe mai avvicinarsi!  Le droghe possono uccidere i neuroni e ucciderti, oppure puoi diventare dipendente da esse come un burattino.
Anche il bullismo è molto frequente durante l’adolescenza, soprattutto a causa dei bulli che trasformano il gioco in prese in giro e derisioni pesanti contro quelli più deboli. Un esempio degli effetti del bullismo sono le persone che a causa di bulli diventano autolesioniste, cioè che rovinano il proprio corpo con dei tagli, e tutto ciò ti porta a non credere più in te stesso e a volte anche al suicidio.
Infine abbiamo rappresentato alcune prese in giro a scuola come per esempio un gruppo di ragazze che prendono in giro una loro amica perché ha baciato un loro compagno, e un gruppo di ragazzi che prendono in giro un loro amico perché è stato scaricato/ mollato da una ragazza.                                                                   
Questa esperienza a scuola mi è stata utile perché mi ha fatto riflettere sull’ età che sto vivendo e ho capito che nella vita ci sono successi e fallimenti, emozioni positive e negative, ed è importante fare sempre le scelte giuste: spesso le scelte che dobbiamo fare non sono le più semplici, ma sono quelle che nel futuro si rivelano migliori. 
Alice Finotti e Mariasole Cordella, cl. 1^ B


Nessun commento:

Posta un commento